DON CHISCIOTTE

DON CHISCIOTTE

“L’ ACQUA PULISCE LA MIA ANIMA ERRANTE E LAVA IL MIO CORPOMACCHIATO E SEGNATO ORMAI DA TROPPO TEMPO DA UN DESTINO PIEGATO AL MIO VOLERE”

Il DON CHISCIOTTE simbolo del cavaliere, del paladino, incarna l’eroe in questa società avversa.
La sua follia, il suo deliro, la sua confusione tra realtà e immaginazione è dettata da una sete di giustizia senza eguali.
È diventato il simbolo dell’uomo che si batte contro le convenzioni, senza temere di essere sconfitto, sospinto unicamente dai suoi grandi ideali. È proprio l’idealismo la caratteristica predominante di Don Chisciotte; quell’ idealismo che riesce, in qualche caso, addirittura a convertire il cinico realismo.
In un gioco di ricordi e paure nascoste, l’installazione è nient’altro che noi stessi. Rappresenta la confusione sociale ed interiore del singolo individuo. La molteplicità di oggetti posti sulla scena offre numerose simbologie che permettono un viaggio nell’ ”IO” di ognuno di noi.